Salta al contenuto principale
Intervista impossibile alla valvola idrica
Le voci impossibili | 01 settembre 2021

La valvola idraulica: “Non fatemi salire la pressione altrimenti ‘svalvolo’!”

L’intervista immaginaria a uno dei componenti meccanici fondamentali della rete idraulica che garantisce l'arrivo dell'acqua a una pressione costante nelle case dei cittadini.

Non è colpa dell’eccessivo caldo e di un’estate torrida che non ci ha dato tregua. Chi scrive pertanto non ha avuto un colpo di calore ma ha deciso di fare un’intervista impossibile alla valvola idraulica, perché è consapevole che anche un’intervista immaginaria può contribuire in modo curioso e inusitato a comprendere le funzioni di componenti meccanici fondamentali per garantire specifici valori di pressione dell’acqua.

È vero. Abbiamo una grande importanza nel sistema idraulico in generale. Non a caso veniamo classificate anche intelligenti, ovvero inseguiamo le richieste di prelievo di consumo da parte dei clienti. Grazie a noi viene regolata la portata distribuita in rete a seconda delle richieste giornaliere e così viene ridotta nelle ore notturne e pomeridiane di minimo prelievo, e aumentata nelle ore di punta mattutine. Non dobbiamo dimenticare che l’acqua deve arrivare al rubinetto sempre con una pressione costante e noi valvole serviamo proprio a questo. Ci apriamo e ci chiudiamo per mantenere il valore prefissato della pressione. In questo modo preserviamo le condotte da sovrappressioni inutili che possono creare problemi alle tubazioni. 
Tutta la rete di distribuzione di Acquedotto Pugliese funziona a pressione ed è formata da condotte prevalentemente in ghisa, ma anche in acciaio e calcestruzzo, di diverse dimensioni. 

A riguardo cosa fa AQP per il vostro corretto funzionamento e manutenzione ordinaria e straordinaria?

I suoi operatori all’incirca ogni sei mesi, un anno, effettuano dettagliati controlli con una pulizia dei nostri filtri e verificano che la taratura sia corretta. Per noi valvole è come se ci rifacessero il belletto… In questo modo contribuiamo a realizzare un sistema di gestione della rete sempre più adatto a soddisfare le esigenze della distribuzione e dotato di livelli di sicurezza che limitano al minimo i disagi. 

Sulla base della necessità di realizzare un sistema di gestione della rete tecnologicamente più avanzato, è vero che oggi vi possono riparare senza interrompere l’erogazione dell’acqua?

Esatto. Nello schema di progettazione viene realizzato un by pass, una condotta in parallelo che ci oltrepassa e quindi continua a garantire il flusso d’acqua senza alcuna interruzione o disservizio. È un po’ quanto accade anche nella cardiochirurgia così anche l’ingegneria idraulica realizza interventi non ‘invasivi’.
 

lavori di bypass sulla rete idrica di Lucera
lavori di bypass sulla rete idrica di Lucera

Dunque dal punto di vista teorico siete un vero e proprio equilibrio di forze ma in termini di ingegneria idraulica come vi siete evolute negli ultimi anni?

Miglioriamo nei materiali, nella robustezza e nella tecnologia. Ve ne sono anche di tanti tipi. Io ad esempio sono a membrana ma ve ne sono anche a fuso. L’importante è che per farci funzionare in modo automatico è necessario conoscere al meglio le condizioni di valle e il range di pressione all’interno della quale farci operare. Nelle nostre antenate però si poteva scegliere solo un valore di riferimento di pressione. Oggi invece la tecnologia avanzata ci consente di variare questo valore. 
Sai che tra noi c’è stata una valvola che ha avuto anche un nome? E’ la valvola Valeria, che ha preso il nome dall’ingegnere dell’Acquedotto Pugliese Valeria Caporaletti che sette anni fa ha contribuito alla sua progettazione.
Regola l’alimentazione idrica di ben 7 quartieri tra i più importanti del capoluogo pugliese. È tecnologicamente più avanzata. Infatti ha la funzione di regolare la pressione e la portata in rete in modo totalmente idraulico, ed è capace di funzionare sia telecomandata sia in assenza di alimentazione elettrica con maggiori livelli di sicurezza che ne scongiurino il blocco e limitino i disservizi.
Adesso devo lasciarti. È quasi notte e come sai devo ridurre il flusso dell’acqua. È il momento di chiudermi per mantenere costante la pressione. È stata una giornata faticosa. Noi valvole lavoriamo tanto e come avrai capito siamo davvero essenziali per la corretta distribuzione dell’acqua. 

Valvola Valeria - fase di installazione
Una fase dell’installazione della valvola “Valeria”

Insomma la valvola idraulica che ho intervistato ha contribuito a chiarire le idee sui suoi benefici e le sue funzionalità che spesso si ignorano ma che vale la pena conoscere. Una cosa è certa. Per funzionare bene non deve salire la pressione dell’acqua altrimenti potrebbe ‘svalvolare’, termine che spero non sia attribuito a colei che ha scritto questa intervista irreale e fantasiosa.  

 

Condividi su